Gli atleti hanno già molto di cui preoccuparsi.

In primo luogo la scelta dello sport più in linea al loro talento ed alle loro capacità.

È poi necessario per loro formarsi, praticare e migliorare le proprie prestazioni, scegliere abbigliamento ed attrezzi migliori. A tutto ciò si aggiunge la dieta degli sportivi.

L’alimentazione è ovviamente un pezzo importante del puzzle, ma, come fare a scegliere quella più adatta? Come essere certi di investire bene il proprio tempo e fare le cose nel modo giusto al fine di godere di un’alimentazione che favorisca la pratica sportiva senza carenze e senza eccessi?

Esistono, in vero, delle strategie semplici che consentono di addivenire alla definizione di una dieta che sostiene gli sforzi atletici anziché andarvi contro.

 

L'ingrediente chiave è l'equilibrio

Ognuno di noi è alla ricerca di un qualche tipo di “segreto nascosto” in fatto di corretta nutrizione in grado di garantire ottime prestazioni sportive.

Il mercato illude con la presenza di cibi superfood dalle proprietà fantascientifiche.

Ebbene: diffidiamo da queste lusinghiere proposte.

La realtà è che non c'è nessun segreto, nessuna pillola magica, nessun supplemento speciale.

Quello che fa bene agli sportivi è esattamente quello che è già presente negli alimenti che madre natura ci offre.

Si tratta solo di consumarli con regolarità stando attenti agli abbinamenti consigliati da medici e nutrizionisti di tutto il mondo. La vera formula magica è l’equilibrio.

E’ necessario moderare il consumo di carboidrati e favorire quello di frutta e verdura, ricchi di sali minerali, intramontabili alleati degli sportivi.

L’unico problema è che, di fatto, gli alimenti - a monte naturali e ricchi di nutrienti - vengono a perdere molte delle loro preziose sostanze a seguito dei vari trattamenti industriali a cui essi vengono sottoposti. A questo si aggiunge che, in alcuni casi, non è possibile nutrirsi in maniera corretta inserendo nell’alimentazione quella quantità di frutta e verdura che si renderebbe necessaria.

Trascorriamo, in media, il 60-70% del tempo fuori casa e non sempre ci è possibile sbucciare un paio di sane mele nella nostra giornata zeppa di impegni.

Ebbene, in questo caso ci vengono in soccorso gli integratori di sostanze naturali utili a garantire al nostro organismo il giusto e bilanciato apporto di nutrienti.

Utilissimi sono gli integratori di magnesio e potassio.

Al pari, è consigliabile anche integrare le proteine con barrette in cui il dosaggio è già studiato e ponderato.

Sorge dunque una domanda: quando fare ricorso a questi integratori?

 

Supplementi per sportivi: quando assumerli

L’apporto calorico giornaliero individuale deve essere rapportato al fabbisogno che il raggiungimento di propri obiettivi presuppone. Nel caso in cui ci si dedichi allo svolgimento di un’attività fisica prolungata e ripetuta, la nostra alimentazione potrebbe non essere sufficientemente completa.

In questo caso, il nostro organismo sarà in primis sottoposto ad una privazione di sali minerali, magnesio e potassio in testa.

Fin qui tutto è chiaro ma, c’è da chiedersi: quando il nostro corpo può dirsi carente di questi nutrienti?

Intorpidimento della muscolatura e formicolio rappresentano i più comuni campanelli di allarme di una carenza di magnesio la quale, se portata all’estremo, può arrivare a dar vita ad anomalie del ritmo cardiaco e a convulsioni. I muscoli appaiono deboli, visto che parte di questo minerale è immagazzinato nei tessuti e si può andare incontro spesso a crampi e dolori muscolari.

Tra i primi sintomi invece di una carenza di potassio troviamo debolezza e deterioramento delle funzioni neuromuscolari, perdita di tono della muscolatura, battito cardiaco rallentato, riflessi scarsi.

E’ bene pertanto non sottovalutare spasmi, crampi, tensioni o dolori alla muscolatura e provvedere sul nascere all’acquisto di un buon integratore di sali minerali.

 

 

NON PERDERTI IL PROSSIMO ARTICOLO

Sportivi Alle Prese Con L’alimentazione: Come Integrare I Giusti Nutrienti In Maniera Sana Ed Equilibrata