Oggi, l’attenzione per la salute e per il benessere di corpo e spirito è quanto mai accentuata.

Il messaggio, mirato a demonizzare quanto possa arrecarci nocumento, diventa un monito costante in ogni settore e non è più confinato a quello della sola medicina.

Il consiglio “mangiate frutta e verdura e fate sport” è divenuto ormai scontato, quasi banale.

Serve di più. Di certo la soluzione non sta nel seguire diete rigide, insane, che non fanno che mettere a repentaglio il nostro naturale equilibrio biologico.

Occorre trovare un compromesso.

Il segreto per ritornare in forma soprattutto con l’arrivo della bella stagione è partire dall’attenzione nella scelta del cibo, quale tappa obbligata. Ma, di per sé, ciò non è sufficiente.

Vediamo cos’altro può esser fatto.

 

Danni alla salute e … alle tasche della nostra economia

Oltre che arrecare temibili danni alla nostra salute, la sempre più diffusa ed invasiva presenza di livelli di colesterolo alto incide pesantemente anche in termini di costo sulla nostra economia.

Si stima che l’incidenza di questa patologia comporti oltre un miliardo di euro in termini di spese sanitarie, di cui i ricoveri pesano per il 96% (dati nel corso di "Meridiano Cardio-Lo scenario delle cardiopatie ischemiche: focus sull'ipercolesterolemia", realizzato da The European House-Ambrosetti).

Eh già, perché dati alla mano, la prima minaccia in assoluto più dannosa e temuta è proprio il colesterolo.

Livelli alti di LDL - anche noto come colesterolo cattivo - rappresentano il primo fattore di rischio alla salute e la prima causa di morte (20%).

Cosa possiamo fare? Scopriamolo.

 

1. Puntiamo su prodotti specifici

Non sono pochi coloro che, specie dopo le feste di Pasqua, mettono al bando una lista infinita di alimenti: l’estate è vicina e la prova costume “incombe” un po’ su tutti.

Quello che tutti i nutrizionisti e medici ci insegnano è che è, però, assolutamente sbagliato bandire uno o più alimenti dalle nostre tavole.

E’ necessario, piuttosto, far ricorso al sano utilizzo di alcuni prodotti in grado di controllare e mantenere nei limiti corretti i livelli di colesterolo nel sangue.

Non esistono infatti prodotti in natura miracolosi, né tantomeno evitare in assoluto alimenti grassi può scongiurare al 100% la possibilità che il colesterolo superi le soglie limite.

Di fatto, il nostro organismo ha bisogno un po’ di tutto, diversamente si andrebbe ad innescare un’alterazione ed un disequilibrio che lo stesso andrebbe a contrastare: così facendo ad averne le spese è il nostro sistema immunitario che vede ridotte le sue naturali difese.

 

2. Evitiamo il fai da te

Peggio di una dieta drastica condotta eliminando alcuni alimenti c’è solo una cosa: il fai da te.

Sono davvero molti, troppi, coloro che scelgono la strada del digiuno concedendosi al massimo qualche verdura sbollentata e priva di condimenti.

Altri saltano il pranzo, per poi giungere a cena affamati e ingordi. Questi comportamenti, tipici del fai da te, possono provocare carenze vitaminiche e di minerali anche molto serie.

Una dieta troppo punitiva può essere altresì causa di malattie psichiche, come la depressione.
Sbilanciate, monotone e povere di quei nutrienti fondamentali per il nostro organismo, la dieta fai da te cela poi un altro pericolo: l’effetto yo-yo.

Un regime troppo drastico è infatti impossibile da mantenere a lungo, è stancante, logorante: il risultato? Dopo un po’ di tempo si riprendono subito tutti i chili persi, spesso con l’aggiunta, per altro, degli interessi!

 

3.  Integriamo nella nostra dieta alimenti amici

Fortunatamente, esistono delle componenti presenti nella nostra dieta alleate del nostro benessere.

E’ notorio come l’Omega 3, contenuto nel pesce e nella frutta secca, faccia bene al nostro corpo e alle nostre arterie. Oltre a questo alleato, ne esistono altri: particolarmente efficace nella lotta contro il colesterolo cattivo è anche la Monacolina K, ricavata da riso rosso fermentato.

Policosanoli, Acido Folico, Coenzima Q10 e Tiamina rappresentano altri importanti scudi contro la minaccia rappresentata dall’innalzamento delle soglie di colesterolo nel sangue.

Tuttavia, lo sappiamo bene: non sempre ci è possibile, per ragioni di gusto, tempo o volontà assumere quotidianamente queste fonti. A questo si aggiunge che, per raggiungere l’assunzione ideale, dovremmo mangiare quantità elevate di alimenti ricchi di questi potenti alleati.

In soccorso ci vengono gli integratori di Monacolina K, Policosanoli, Acido Folico, Coenzima Q10 e Tiamina pensati proprio per superare questi limiti.

 

Dati statistici alla mano, il numero di persone che si ammalano ogni anno di malattie cardiovascolari è in crescita, mentre addirittura il 40% della popolazione non sa neppure di soffrirne.

Iniziamo dunque a fare tesoro di tutti questi strumenti che la medicina, benevole, ci mette a disposizione.

 

NON PERDERTI IL PROSSIMO ARTICOLO

Colesterolo Alto: Persino I Comuni Italiani Corrono Ai Ripari